Lanzada: Le maestre d’arte di Lanzada svelano i segreti dei Pedü

Il Comune di Lanzada, in collaborazione con enti ed aziende del territorio, ha promosso il progetto “Pedü” allo scopo di preservare e di valorizzare la calzatura tipica del paese.
Per i malenchi il termine pedü è noto e tutti conoscono le tipiche calzature di Lanzada, indossate fino agli anni Cinquanta, non così per gli altri valtellinesi e i turisti.
Il pedü è costituito da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita una tomaia stringata di velluto a coste. Erano le scarpe di uso quotidiano, da indossare in casa e fuori, presenti in modelli diversi, a seconda delle situazioni: di colore scuro oppure più vivaci, ravvivati da nastri e fiori per le occasioni speciali. Soltanto quelli usati per i lavori nei campi, nei boschi e sugli alpeggi erano confezionati in maniera differente, rinforzati con uno strato di gomma esterno per riparare i piedi da umidità e pioggia.

Il progetto10553513-1500819333521199-4933423957756481757-n-300x300

Fonte: valtellinamobile.it

Lanzada: Per la quarta volta la Sportiva Lanzada conquista il Trofeo MiniVanoni

croppedimage701426-IMG62

Una Sportiva Lanzada imbattibile fa suo, per la quarta volta il Minivanoni – Targa Mons. Danieli davanti a G.P. Valchiavenna e Polisportiva Albosaggia. Gare affollate, emozionanti e agguerrite dove si sono messi in risalto Milena Masolini (G.P. Valchiavenna) e Mattia Tacchini (G.P. Talamona) negli esordienti, Francesca Gianola (Premana) e Andrea Gianola (Premana) nei ragazzi, Elisa Peretti (U.S. Bormiese) e Belay Jacomelli (U.S. Bormiese) nei cadetti, Micol Majori (Nuova Atletica Fanfulla Lodigiana) e Luca Cantoni (U.S. Bormiese) negli allievi.

Fonte: valtellinanews.it

Lanzada: Trofeo del Magnan: staffetta ed emozioni a Lanzada

IMG_9357

Più di 200 atleti hanno gareggiato sabato 18 ottobre u.s. a Lanzada al 7° Trofeo del Magnan, gara provinciale a staffetta su strada ottimamente organizzata dalla locale Sportiva Lanzada. Percorso breve e da correre tutto d’un fiato che ha fatto vivere forti emozioni come solo le staffette sanno fare. Dopo i 50 esordienti B/C (bambini dai 6 ai 9 anni) che hanno corso individualmente non per la classifica ma per divertirsi, è stata la volta dei più grandicelli della categoria esordienti A dove si sono imposti Gabriele e Matteo Bardea (A.S. Lanzada) tra i maschi, Alice Tosarini e Barini Serena (G.P. Santi Nuova Olonio) tra le femmine. Nei ragazzi gradino più alto del podio per Andrea Parolo e Giacomo Azzalini (C.O. Piateda), mentre nella gara in rosa le più veloci sono state Francesca Biocca e Anna Tosarini (G.P. Santi Nuova Olonio). Nei cadetti imprendibili Luca Molteni ed il vicecampione italiano nei 1200 siepi Matteo Masolini (G.P. Valchiavenna) mentre tra le cadette le prime a tagliare il traguardo sono state Silvia Spini ed Elisa Martinalli (G.S. Valgerola). Tra gli allievi altra vittoria casalinga grazie a Federico Bardea e Cristian Dell’Agosto (A.S. Lanzada) mentre nelle allieve si impone il G.P. Valchiavenna con Elena Ambrosini ed Eleonora Fascendini.

Fonte: corsainmontagna.it

Valtellina: Parte la Coppa del Mondo La Valtellina cala il poker

Sono ben quattro – per trovare un numero così elevato bisogna risalire negli anni novanta – i valtellinesi in azzurro che partecipano quest’anno alla Coppa del Mondo che, come non accade da molti anni, a Soelden.

Sono Irene Curtoni e la sorella Elena, Nicole Agnelli e Roberto Nani. Il prologo di Soelden sarà poi seguito da quattro settimane di pausa, prima che la stagione intensifichi i suoi appuntamenti.

parte-la-coppa-del-mondo-la-valtellina-cala-il-poker_302a49b4-5abc-11e4-8717-977f8ac2ced5_cougar_image

Fonte: laprovinciadisondrio.it

Lanzada: con il “Cross del Pradasc” la corsa campestre torna protagonista

Riparte la stagione della corsa campestre in provincia di Sondrio con il “Cross del Pradasc” organizzato a Lanzada dalla locale Sportiva domenica 2 novembre 2014. La prova era valida anche come terza prova del Campionato provinciale di società di corsa campestre – Trofeo Credito Valtellinese ed ha visto in gara complessivamente 310 atleti.

croppedimage701426-Lanzada6

Fonte: valtellinanews.it

Valtellina: Sui ghiacciai della Valtellina le sentinelle del clima

Sul Dosdè Orientale un laboratorio a cielo aperto comunica con i satelliti e una stazione meteo per comprendere perché la fusione dei ghiacciai è così rapida.

dos-kbpC-U4304094661697jXE-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Un ghiacciaio è un essere vivente, che respira, mangia, si muove e si ammala. Ed è grazie alla ricerca scientifica che è possibile studiare lo stato di salute di quelli che sono considerati come i migliori indicatori del mutamento del clima. Ricerca scientifica che oggi ha a disposizione le migliori tecnologie, dai satelliti della Nasa ad avanzatissime stazioni meteorologiche. Perché oggi i ghiacciai si stanno sciogliendo sempre più intensamente ed è fondamentale comprenderne i meccanismi.

Fonte: corriere.it

Valtellina: torna protagonista al Giro d’Italia 2015

croppedimage701426-croppedimage701426-Giro-photo

Un grande ritorno quello della Valtellina al Giro d’Italia 2015. Dopo anni di assenza la provincia di Sondrio torna protagonista in una delle più grandi gare a tappe del ciclismo mondiale. Nell’edizione numero 98, infatti, saranno ben due le tappe che vedranno i ciclisti cimentarsi sulle nostre strade di casa.

Martedì 26 maggio 2015, per la 16esima tappa, i corridori dopo esser partiti da Pinzolo, in Trentino, si dovranno cimentare in quella che, probabilmente, sarà la tappa più impegnativa di tutto il Giro, e passando dal Passo del Tonale, dal Passo dell’Aprica e dal Passo del Mortirolo torneranno all’Aprica dove è fissato il traguardo. Un frazione estenuante di 175 chilometri che nella prima parte prevede anche la scalata del Campo Carlo Magno nelle vicinanze di Madonna di Campiglio.

Fonte: valtellinanews.it

Notizie, appunti, eventi, ricordi e impressioni.